L’incertezza CBA blocca il mercato commerciale NBA

0
10
Incerteza da CBA paralisa mercado comercial da NBA

L’NBA e la National Basketball Players Association stanno negoziando un nuovo accordo di contrattazione collettiva (CBA). Sfortunatamente, lo stanno facendo alla scadenza commerciale.

Il mese scorso, la lega e l’NBPA hanno concordato di estendere il termine di rinuncia per l’attuale CBA all’8 febbraio. Entrambe le parti possono scegliere di esercitare la rinuncia, che terminerebbe l’attuale accordo il 30 giugno.

Un comunicato congiunto del @NBA e l’NBPA.

Dichiarazione ufficiale: https://t.co/lMwAqGdWlr pic.twitter.com/hBTk8CtdMy

—NBPA (@TheNBPA) 14 dicembre 2022

Non c’è stata alcuna indicazione che le parti siano in un vicolo cieco o che ci sarebbe un’interruzione del lavoro se e quando l’accordo scade, ma la scadenza della negoziazione è fissata per un giorno prima della scadenza commerciale NBA. Ciò significa che squadre e giocatori saranno costretti a prendere decisioni importanti senza sapere esattamente quali saranno le regole in futuro.

Brian Windhorst di ESPN ha dichiarato nel podcast “The Hoop Collective”: “Uno dei motivi per cui i colloqui sono lenti in questo momento è a causa di incognite. Incognite sull’ACB, incognite su dove sarà la salute di alcuni giocatori, incertezza su dove andranno le squadre essere.”

Cosa c’è in discussione nel nuovo CBA? In primo luogo, la lega sta prendendo in considerazione modifiche al suo sistema fiscale sul lusso, sia che si tratti di fissare un limite massimo di spesa (probabilmente un divieto per i giocatori) o di creare sanzioni più severe per chi spende di più. Ciò influisce su qualsiasi squadra che potrebbe assumere grandi contratti pluriennali alla scadenza commerciale, come John Collins degli Atlanta Hawks (tre anni e oltre $ 78 milioni rimanenti dopo questa stagione).

C’è anche un interesse reciproco nel modificare le regole di estensione dell’NBA nell’interesse di aiutare la fidelizzazione dei giocatori. Le regole attuali limitano un’estensione del veterano al 120% del precedente stipendio del giocatore. Con l’aumento del tetto salariale, significa che alcuni giocatori, come Dejounte Murray di Atlanta o Jaylen Brown di Boston, sono incentivati ​​a entrare in un’agenzia libera senza restrizioni (che non ha tali limiti sugli aumenti). Anche quando sia i team che i giocatori vorrebbero elaborare accordi a lungo termine, le regole di estensione legano le mani.

Se una squadra sta cercando di concludere un accordo per un giocatore ben pagato o per un giocatore che vorrebbe prolungare oltre il suo attuale contratto, deve farlo senza sapere quali saranno le nuove regole CBA, forse anche fino a un giorno prima la scadenza commerciale. Se i giocatori e i proprietari riuscissero a chiarire le loro divergenze anche una settimana prima della scadenza dell’8 febbraio, risparmierebbero molto stress a dirigenti e agenti e darebbero ai fan l’opportunità di scambi molto più entusiasmanti.